Scuola Media Statale "G. Pascoli"

Via Giovanni XXIII, 86 tel. 0546-50021 - fax 0546-55429 - 48014 Castel Bolognese (RA)

E-mail: smpascoli@racine.ra.it

Giancarlo Montuschi - Annunciazione

Progetto SeT - Riferimento al tema n. 8 "Informazione e comunicazione"

Unita di lavoro:

Le tappe fondamentali della storia della comunicazione

Docente di Educazione Tecnica

Piero Taroni

A.S. 1999 - 2000

Illustrazione di copertina: © "Annunciazione" di Giancarlo Montuschi - Impaginazione grafica: Piero Taroni



Premessa  
L'unita di lavoro, che verrà di seguito illustrata nei contenuti, nei tempi e nei metodi di esecuzione, è in attuazione in quattro classi, un corso completo sperimentale di bilinguismo e un corso normale, in via di esaurimento con una classe terza, della Scuola Media "G. Pascoli" di Castel Bolognese (Ra) dall'anno scolastico 1997-1998. Stiamo vivendo sicuramente in un'era caratterizzata sempre di più dalla comunicazione e dall'informazione. La nostra vita intima, lavorativa e di socializzazione è scandita dall'uso di mezzi, via via sempre più semplici nell'uso, di facile acquisizione e dotati di un capacità potentissima, che riducono il globo, in cui viviamo, in un "villaggio globale". Forse più che un'era è meglio chiamarla rivoluzione e come tutte le rivoluzioni si sa quando iniziano, ma non quando terminano; poi, per decenni, saranno sociologi e gli storici ad analizzare cause ed effetti sulla società. L'unità di lavoro è inserita nello studio della comunicazione ed è suddivisa in tappe, ritenute fondamentali, della storia della comunicazione. L'unità di lavoro, che presenterò, può essere parte integrante di quello che già normalmente programmo durante l'anno scolastico e che
  • ho adattato alla dotazione tecnico-scientifico presente nella mia scuola (la quale si può considerare comune a molte scuole del nostro paese;
  • ho perfezionato nel corso della mia esperienza;
  • reso disponibile in rete presso il mio sito, dedicato alla didattica, all'URL http://www.ptaroni.com/, dal settembre del 1998.


  • Unità di lavoro

    Sviluppo del piano di lavoro Il piano di lavoro si sviluppa nell'arco dei tre anni in sintonia temporale con i programmi svolti dalle altre discipline curriculari. La scansione temporale sarà sintetizzata nelle tabelle seguenti. La storia della comunicazione è stata, da me, suddivisa in diciassette tappe fondamentali, a cui io aggiungo sempre, una diciottesima, che rappresenta l'incognita del futuro e della speranza che una nuova scoperta possa migliorare la vita dell'uomo.

    Considerazioni sulle scelte metodologiche L'interazione dei nuovi mezzi di comunicazione, di elaborazione e di rappresentazione dati, possono essere utili per far sì che i processi cognitivi della scienza e della tecnologia abbiano spazio e non siano ridotti a nozioni. Ritengo importante mostrare ai ragazzi che i mezzi tecnologici non sono nostri nemici, ma che, se utilizzati asservendoli ai nostri fini, possono agevolare il nostro lavoro. Ritengo altresì importante dimostrare che gli elaborati conclusivi possono essere condivisi con altre realtà oppure di esempio per progetti futuri.


    Obiettivi Contenuti Metodologie e attività Materiali, mezzi, strumenti Discipline connesse Classe coinvolta Tempi
  • Acquisire la consapevolezza dell'importanza della storia passata per meglio capire e comprendere gli sviluppi della società umana.
    1. L'uomo preistorico
    2. Sumeri: la nascita della comunicazione scritta
    3. Gli Egizi
    4. Mare Mediterraneo: culla della civiltà
    5. Gli Arabi
    6. I Cinesi e l'invenzione della carta
    Si prende spunto dallo studio dei materiali: la carta, che permette di inserire e coinvolgere gli alunni, nel discorso storico dell'invenzione del supporto che ha permesso lo sviluppo della comunicazione. Nel raccoglitore i ragazzi dedicano una facciata alla creazione di sei vignette, rappresentanti le prime sei tappe fondamentali della storia della comunicazione, che sarà ampliata e approfondita nel corso del triennio. Si discute e si recuperano le informazioni acquisite nel corso degli anni e dalle varie discipline curriculari. Durante l'anno scolastico, la classe è accompagnata presso il Lab. di informatica per prendere confidenza con gli apparecchi e i programmi informatici.
  • raccoglitore;
  • strumento per disegno tecnico ed artistico;
  • lavagna tradizionale o luminosa o
  • videoproiettore.
  • Religione Lettere Storia Ed. Artistica 1
  • Acquisire la conoscenza dei principi scientifici della fotografia;
  • essere in grado di far funzionare i principali tipi di apparecchi fotografici;
  • conoscere i processi più semplici di sviluppo e stampa b/n e saperli realizzare.
    1. L'amanuense
    2. Güttemberg: l'invenzione della stampa a caratteri mobili
    3. La fotografia
    4. Il telegrafo
    5. Il telefono
    Si prende spunto dallo svolgimento dell'U.D. relativa alla fotografia per terminare sul raccoglitore la creazione di dodici vignette, rappresentanti le ulteriori tappe fondamentali della storia della comunicazione. I mezzi di comunicazione saranno ampliati e approfonditi nel corso del biennio finale. Si discute e si recuperano le informazioni acquisite nel corso degli anni e dalle varie discipline curriculari. Durante l'anno scolastico, la classe è accompagnata presso il Lab. fotografico e tecnico per la realizzazione di una camera fotografica a foro stenopeico, utile a realizzare una foto su carta fotografica e per prendere confidenza con gli apparecchi fotografici. Lab. fotografico Lampade di sicurezza; aspiratore; ingranditore; marginatore; focometro; bacinelle per acidi di sviluppo e fissaggio; bottiglie per acidi; tank; forbici; pinze; imbuti; timer; prodotti chimici per la preparazione in proprio di sviluppo e fissaggio; carta sensibile in vari formati; filtro per la decalcificazione dell'acqua; libri e riviste specializzate. Lettere Storia Scienze Matematiche Ed. Artistica 7
  • Conoscere le caratteristiche delle onde elettromagnetiche;
  • conoscere le tecniche di trasmissione radiofoniche.
    1. La radio
    Lezioni teoriche in classe: preparazione del questionario. Visita guidata ad una radio locale. Lezioni teoriche in classe: stesura relazione finale.   Lettere Scienze Matematiche 3
  • Attività d'istituto
    1. Il cinematografo
    Cineforum Visione di film   1° - 2° - 3°  
  • Conoscere e saper utilizzare il televideo.
    1. La televisione
    Durante l'anno scolastico, la classe è accompagnata presso il Lab. audiovisivi per imparare a conoscere e utilizzare il televideo, attraverso la consultazione degli indici per argomenti e la socializzazione delle pagine di maggiore gradimento. Lab. audiovisivi; impianto TV; televisore. Tutte le discipline curriculari    
  • Conoscere la differenza tra hardware e software;
  • saper creare e gestire file e cartelle;
  • saper utilizzare programmi di videoscrittura e di elaborazioni dati;
  • acquisire le basi della grafica digitale e tipografica;
  • saper realizzare una mappa ipertestuale.
    1. Il PC
    Durante l'anno scolastico, la classe è accompagnata presso il Lab. di informatica per un primo approfondimento dell'utilizzo delle apparecchiature e dei programmi informatici. Si realizza un ipertesto di classe in linguaggio HTML. Ogni alunno compone con un editor di testo la propria pagina, corredandola di informazioni, quali hobby, sport preferiti, squadra del cuore ecc., in lingua italiana, inglese e francese. L'insegnante cura la realizzazione della copertina e della pagina indice, introduce le musiche scelte dai ragazzi e reperite in Internet, in formato .mid. Le singole pagine sono poi abbellite da sfondi e corredate dalle fotografie scattate con macchina digitale, che ha il vantaggio di accelerare i tempi di realizzazione dell'ipertesto. Lab. di informatica; pc di recente generazione in rete; software didattico; stampante a getto d'inchiostro; scanner; macchina fotografica digitale; videoproiettore. Lettere Scienze Matematiche L. Inglese L. Francese Ed. Artistica Ed. Musicale 6
  • Esplorazione della rete; - ricerca di informazioni.
    1. Internet
    Durante l'anno scolastico, la classe è accompagnata presso il Lab. informatico per imparare a conoscere e utilizzare Internet, attraverso la consultazione dei siti di maggiore gradimento. Lab. informatica; modem; connessione in rete. Tutte le discipline curriculari 2
     
    1. Il GPS
             
     
    1. ? Il futuro
             


    Unità di lavoro


    Il GPS (Sistema di posizionamento satellitare)


    Scopi e finalità

    L'uso del GPS, o sistema di posizionamento satellitare, può servire, anche, per realizzare cartine e profili altimetrici molto precisi di sentieri adatti al trekking. Queste cartine, in formato cartaceo e/o virtuali, possono risultare interessanti sia per amministrazioni locali (ad es. Regioni e Comuni), sia per enti (ad es. C.A.I. e Comunità montane ecc.), imprese turistiche e utenti privati. Occorre riconoscere, poi, che lo studio e una moderna rappresentazione dell'ambiente accrescono, nei ragazzi, una coscienza di rispetto e salvaguardia della natura e dell'ambiente.


    Obiettivi


    Contenuti

    Gli elementi della comunicazione - Il linguaggio iconografico utilizzato - La nomenclatura delle Scienze e delle Tecnologie coinvolte - Raccolta dei dati - Elaborazione dei dati con programmi matematici - Rappresentazione dei dati attraverso grafici (bi o tridimensionali) - Principi di fotografia - Software informatici specifici per la creazione di elaborati in formato cartaceo e virtuali.


    Metodologia ed attività

    - Lezioni teoriche in classe per acquisire conoscenze di base. - Lezione pratiche di laboratorio fotografico, informatico e multimediale per effettuare prove sperimentali e di addestramento all'uso dei vari mezzi tecnici coinvolti. - Lezioni pratiche in esterno (gita scolastica con percorso trekking) per acquisizione dei dati, con l'ausilio di apparecchio GPS, e delle immagini fotografiche, con ausilio di apparecchiature tradizionali e digitali. - Lezione pratiche di laboratorio informatico per elaborazione dati, foto-ritocco digitale. - Lezione pratiche di laboratorio multimediale per la realizzazione di elaborati in formato cartaceo e/o digitali. - Intervento dell'eventuale esperto.


    Materiali mezzi e strumenti

    - Mappe planimetriche; - strumento per il disegno tecnico; - apparecchio GPS; - computer; - software informatico; - floppy-disk; - cd-rom scrivibili; - scanner; - foto-camera digitale; - stampanti a getto d'inchiostro; - masterizzatore; - pellicola fotografica; - sviluppo e stampa dei rullini fotografici; - carta adatta per copertine, pieghevoli ecc.; - servizi di tipografia.


    Verifiche e valutazione

    Per la parte teorica: prove oggettive di profitto. Per la parte pratica: esame dei lavori e loro discussione in rapporto agli obiettivi formativi stabiliti per l'attività di laboratorio.


    Tempi

    15 ore



    Note conclusive

    Ho omesso, volutamente, la nascita del quotidiano in quanto è ormai prassi consolidata ritenerla un contenuto della disciplina letteraria. Comunque, ho già in cantiere la creazione di un cd-rom dedicato alla storia della comunicazione, che comprende, in fase di bozza, trentanove pagine di approfondimenti. Si rende noto che è, anche, disponibile in rete la realizzazione di un ipertesto costituito da cento pagine, al seguente URL: http://space.tin.it/clubnet/ftvmar. L'ipertesto, dal titolo "Storia della comunicazione in cento immagini", è stato realizzato da un Liceo classico di Bologna ed è stato presentato al concorso MURST '98. La presente unità di lavoro è sperimentabile in almeno tre su dieci classi della Scuola Media "G. Pascoli" di Castel Bolognese.



    Castel Bolognese, 18.01.2000


    Il Docente

    Piero Taroni




    Indice



    | Top |